La difficoltà di estrazione della rete Bitcoin vede la più grande caduta epocale dal 2011

La difficoltà mineraria di Bitcoin ha visto il secondo più grande calo della storia martedì, mentre la difficoltà è scesa a 16,78 trilioni di miliardi, perdendo un tocco di oltre il 16% rispetto al massimo della difficoltà della scorsa settimana.

L’ultima volta che la difficoltà mineraria di Bitcoin è scesa così in basso è stato nell’ottobre 2011, quando ha perso circa il 18%. Da quando si è verificato il grande calo di difficoltà, l’hashrate complessivo del SHA256 è aumentato molto dopo aver perso il 40% nell’ultima settimana di ottobre.

La rete Bitcoin ha visto un significativo calo

La rete Bitcoin (BTC) ha visto un significativo calo di difficoltà mineraria martedì, quando è scivolata -16,05% a 16,78t. News.Bitcoin.com ha riferito la scorsa settimana su come l’hashish SHA256 della rete sia sceso di circa il 40% a circa 90 esahash al secondo.

Dopo il calo di difficoltà di martedì, l’hashrate di BTC è aumentato molto, raggiungendo i 114 EH/s il 3 novembre, dopo aver toccato i 97 EH/s nelle prime ore di martedì mattina. L’hashish di BTC si trova appena sopra le 100 EH/s a 107 EH/s al momento della pubblicazione.

La difficoltà di estrazione è essenzialmente la misura relativa della quantità di risorse necessarie per trovare i blocchi di bitcoin in un determinato giorno. Dà alla gente un’idea di quanto sia difficile estrarre un nuovo blocco. La difficoltà del bitcoin cambia utilizzando 2.016 epoche di blocco o intervalli di due settimane.

Quando l’hashish è estremamente alto

Quando l’hashish è estremamente alto, la difficoltà diventa più difficile durante il cambiamento e se l’hashish totale stimato è sceso, diventa più facile estrarre il bitcoin. Con l’hascrate alle attuali velocità oggi, le stime mostrano un altro calo del -16% all’orizzonte.

I dati di Btc.com di martedì indicano che il prossimo cambiamento è a più di 14 giorni di distanza e le stime indicano che potrebbe scendere a 14,05t, perdendo -16,3% se si realizzerà. Oggi, il 3 novembre, sono 16 le operazioni minerarie che dedicano hashrate alla rete Bitcoin (BTC).

F2pool guida il gruppo di piscine con circa il 18,7% della rete con oltre 20 EH/s sotto il cofano. Seguono operazioni come Poolin (15,5 EH/s), Btc.com (12,4 EH/s). Huobi (12,4 EH/s) e Antpool (11,7 EH/s). Con 107 EH/s dedicati alla catena BTC, i cinque pool sopra citati catturano complessivamente il 67,28% dell’hashish complessivo.

Al momento della stampa, l’intasamento di mempool ha perso un capello dopo che l’arretrato ha visto oltre 100k di transazioni non confermate nel corso della scorsa settimana e nel fine settimana. Tuttavia, i dati mostrano che il mempool ha ancora circa 73k transazioni non confermate martedì.