Venezuela ottiene il suo primo nodo satelite Bitcoin indipendente dall’accesso a Internet

  • Un gruppo di startup si è unito per lanciare il primo nodo satellitare bitcoin del Venezuela.
  • Gli utenti del paese possono ora accedere alle transazioni bitcoin anche in assenza di connettività internet.

Il Venezuela ha ottenuto il suo primo nodo satellitare bitcoin

Il Venezuela ha ottenuto il suo primo nodo satellitare bitcoin, permettendo agli utenti a terra di ricevere transazioni bitcoin anche in assenza di internet.

Secondo un rapporto Medium di CryptoBuyer, la piattaforma Crypto Solutions ha lanciato il primo nodo satellitare bitcoin del Venezuela, dando alla regione „accesso permanente“ alla rete BTC.

Il rapporto sostiene che l’infrastruttura del nodo permette agli utenti di aggirare la necessità di connettività internet locale per condurre le transazioni bitcoin.

Il nodo è collegato alla rete satellitare fornita dall’infrastruttura bitcoin startup Blockstream, con l’aiuto di AnibalCripto e il supporto finanziario di CryptoBuyer.

Álvaro Pérez, un programmatore di Valencia che ha assistito nel progetto, ha dichiarato che la prima transazione bitcoin condotta dal Venezuela attraverso il nodo satellitare è stata completata il 23 settembre.

Ha proseguito,

Abbiamo ricevuto bitcoin attraverso il collegamento satellitare senza alcuna connessione internet. È stato un momento di grande successo.

Jorge Farias, CEO di CryptoBuyer, ha dichiarato che il progetto è nato dalla visione dell’azienda di offrire „prodotti reali e tangibili“ per risolvere i problemi del mondo reale. CryptoBuyer ha identificato la mancanza di connettività internet nelle regioni del Venezuela come una barriera per l’utilizzo del cripto, che ha portato all’eventuale lancio del nodo del satellite.

Il CEO di AnibalCripto, Anibal Garrido, ha definito l’accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7, ad un sistema monetario digitale „una realtà“ e ha detto che i cittadini del paese non dipendono più dall’uso dei fornitori di servizi internet.